Baccalà su vellutata di ceci Le Cotte

(Eng below) Vi capiterà spesso di avere giornate frenetiche in cui correte da una parte all’altra senza sosta, oppure siete incollati ad una scrivania per ore ed ore senza nemmeno avere il tempo di una pausa caffè. In molti casi, il pensiero di mangiare non vi sfiora neanche il cervello, figuriamoci poi quello di cucinare… A me a volte è accaduto anche di dimenticare che la sera avevo ospiti a cena… è facile farsi prendere dal panico e magari cercare una scusa per rimandare,ma non sempre è semplice: ho già inventato che ero malata, che avevo il bimbo con la febbre, ho già avuto ogni possibile guasto alla macchina… adesso come posso fare?!?? Ho un’unica alternativa, quella di mettermi ai fornelli!  Se anche a voi è capitato, ecco, questa ricetta fa al caso vostro: baccalà e vellutata di ceci! Tranquilli, il baccalà lo trovate ammollato e  per quanto riguarda i ceci, il segreto è di comprare quelli cotti. Questa scelta non deve pregiudicare la qualità del risultato, per cui, nella mia ricetta ho usato i ceci cotti di “Le Cotte“, azienda agricola di Pistoia con la quale ho recentemente iniziato una collaborazione, già conoscendo la bontà dei loro prodotti.

Ingredienti (6 persone- tempo di realizzazione: 30 minuti)

600 g ceci cotti Le Cotte

1  gambo di sedano

1 carota

1 cipolla

2,5 l brodo vegetale

6 rametti di rosmarino

2 rametti di salvia

1 spicchio d’aglio

Olio extra vergine di oliva q.b.

Sale e pepe q.b.

600 g baccalà ammollato

1 peperoncino fresco

30 g pinoli

Prendete uno spago e legate due rametti di rosmarino e di salvia insieme. Tenete da parte il mazzetto di erbe aromatiche. Preparate il soffritto: sbucciate la cipolla e tritatela. Lavate bene il gambo di sedano e la carota. Pelate la carota e il sedano con un pelapatate. In un tegame dai bordi alti mettete 4 cucchiai d’olio d’oliva e fateci soffriggere gli ingredienti tritati, dopo 5 minuti sfumate con del brodo vegetale. Unite lo spicchio d’aglio e il mazzetto di erbe e aggiungete i ceci cotti. Aggiungete il brodo in modo da coprire gli ingredienti, salate e pepate, coprite con un coperchio e lasciate insaporire per 15 minuti. Togliete il tegame dal fuoco e con un frullatore ad immersione riducete il tutto ad una crema. Aggiungete il brodo se necessario per rendere la crema più o meno densa a seconda dei vostri gusti. Potete usare un setaccio a maglie fini per filtrare la crema e rendere la vostra vellutata ancor più setosa.

In una padella scaldate qualche cucchiaio di olio con il peperoncino fresco tagliato a fettine sottili. Trasferite in una ciotolina e metteteci dei rametti di rosmarino. Nella stessa padella tostate i pinoli (non bruciateli). Mettete i pinoli tostati nella ciotolina insieme agli altri ingredienti.

Passiamo al pesce: il baccalà dovrà esser stato ammollato e dovrete avergli cambiato l’acqua diverse volte prima di utilizzarlo, altrimenti sarà troppo salato. Tagliatelo a cubetti, in modo da avere dei bocconcini grandi come una noce. In una padella antiaderente cuocete il pesce dalla parte della pelle così che diventi croccante. Dopo 5 minuti saranno pronti. Serviteli subito su un letto di vellutata di ceci e guarnite con l’olio aromatizzato, qualche pinolo tostato e del peperoncino fresco.

Idee per servire: potete dare libero sfogo alla fantasia, utilizzando piatti piani, scodelle, oppure per piccole monoporzioni, delle tazzine da caffè, bicchieri di vetro e oltre alla classica posata da zuppa, il cucchiaio, potreste usare delle bacchette di legno giapponesi…

You will often have hectic days in which you run from one side to another without stopping, or you are glued to a desk for hours and hours without even having the time for a coffee break. In many cases, the thought of eating does not even touch your brain, oh yes of course cooking… To me sometimes it happened also to forget that in the evening I had guests at dinner… it is easy to panic and maybe look for an excuse to postpone, but it is not always simple: I already invented that I was sick, that I had the baby with the fever , I already had every possible machine failure… what can I do?!?? I have one alternative, just put myself in the stove!  If you happened, here, this recipe is for you: cod and warm chickpeas cream! Do not worry, the codfish you buy has already been soaked and for the chickpeas, the secret is to buy the cooked ones. This choice must not affect the quality of the result, so in my recipe I used the cooked chickpeas of “Le Cotte”, a farm in Pistoia with which I recently started a collaboration, already knowing the goodness of their products.

INGREDIENTS (Serving: 6):

600 g cooked chickpeas Le Cotte

1 stalk of celery

1 carrot

1 onion

2.5 l vegetable broth

6 sprigs of rosemary

2 sprigs of sage

1 clove of garlic

Extra virgin olive oil to taste

Salt and pepper to taste

600 g cod soaked

1 fresh Chili

30 g pine nuts

Take a string and tie two sprigs of rosemary and sage together. Keep aside the bouquet of aromatic herbs. Prepare the Sauté: peel the onion and chop. Wash the celery stalk and carrot well. Peel the carrot and celery with a peeler. In a pan with high edges put 4 tablespoons of olive oil and sauté the chopped ingredients, after 5 minutes  put a cup of vegetable broth. Add the clove of garlic and the bunch of herbs, adding the cooked chickpeas. Add the broth in order to cover the ingredients, salted and peppered, cover with a lid and leave to flavour for 15 minutes. Remove the pan from the heat, eliminate the garlic and with a dipping blender, reduce it to a cream. Add the broth if necessary to make the cream more or less dense depending on your taste. You can use a fine mesh sieve to filter the cream and make it more silky.

In a pan, heat a few tablespoons of oil with the fresh chili cut into thin slices. Transfer to a bowl and place some sprigs of rosemary. In the same pan roast the pine nuts (not burn). Put the toasted pine nuts in the bowl together with the other ingredients.

Let’s go to the fish: the cod must have been soaked and you must have changed the water several times before using it, otherwise it will be too salty. Cut into cubes, so you have ‘fish bites’ like a walnut. In a non-stick pan, cook the fish on the side of the skin so that it becomes crispy. After 5 minutes they will be ready. Serve immediately on the warm cream of chickpeas and garnish with flavored oil, some toasted pine and fresh chili.

Ideas to serve: you can give free rein to the imagination, using flat plates, bowls, or for small monoportions, coffee cups, glass glasses and in addition to the classic laid for soup,  the spoon, you could use wooden Japanese sticks!

Un commento Aggiungi il tuo