Bibanesi

Ecco una ricetta perfetta per utilizzare il vostro esubero di licoli.  Lo so che avete il frigorifero o il forno pieno di vasetti di licoli, anche io non amo buttare il cibo e quindi ho iniziato a sperimentare un po’ di cosette per impiegare gli scarti dei rinfreschi del lievito madre liquido.
Questa è una delle ricette più amate e sperimentate e testate in questo periodo di quarantena covid.

INGREDIENTI:

1 kg farina “00” (comunque basta una farina debole,ho usato questa perché si trova più facilmente in questo periodo )
220 g esubero di licoli (io ho usato il mio che non era rinfrescato da 3 giorni)
400 g acqua a T 26°
130 g olio extra vergine di oliva
16 g sale
Semi di sesamo q.b. (opzionali)

Sciogliete l’esubero di licoli nell’acqua a temperatura di 26°. Unite la farina, poi l’olio evo e, quando è incordato l’impasto, il sale.
A questo punto potete unire i semi di sesamo oppure scegliere di aggiungerli all’impasto quando lo avrete formato in filoni spennellati d’olio extravergine d’oliva prima di tagliarli per creare i grissini. Se non amate il sesamo,omettete questi passaggi.
Fate riposare l’impasto in una ciotola coperta nel forno spento con luce accesa ad una temperatura intorno ai 27°,comunque non superiore. Dopo qualche ora, circa 3h e mezza l’impasto sarà aumentato di volume, mettetelo sul piano da lavoro, dividetelo in parti uguali e create dei “serpenti”  “cilindri lunghi” di circa 4 cm. Spennelateli con olio extravergine d’oliva (potete cospargerli di semi di sesamo) e coprite lasciando lievitare ancora un paio di ore.
Tagliate i “serpenti” diagonalmente: cercate di ottenere dei cilindri spessi come un dito (circa 1,5 cm) attorcigliateli leggermente e posizionateli su una teglia rivestita di carta forno, un po’ distanti tra loro.
Cuocete a 180°C per 25 minuti. Fino a doratura da entrambi i lati. Se volete averli più croccanti, abbassate poi la temperatura del forno a 130° e fateli asciugare altri 15 minuti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.